Reggio Calabria ricorda don Italo Calabrò

Don Italo CalabròUn convegno a Palazzo Campanella e la Celebrazione in Cattedrale
Sono due gli eventi che la Diocesi di Reggio-Bova ha organizzato per celebrare il venticinquesimo anniversario della morte di don Italo Calabrò, sacerdote che ha servito con amore e fino all’ultimo la Chiesa, i poveri, i giovani, la sua città.
Lunedi 15 Giugno alle ore 18,30 nella sala Calipari del Consiglio regionale della Calabria, sarà l’arcivescovo Mons. Giuseppe Fiorini Morosini, a dare il via ai lavori con il suo saluto introduttivo.


A seguire don Luigi Ciotti relazionerà sul tema dell’impegno sociale, lotta alla illegalità ed alla ndrangheta che li ha visti per anni operare insieme, per costruire percorsi di legalità, solidarietà, giustizia, dentro la Caritas Italiana, nei movimenti di volontariato, sempre a servizio dei più poveri e delle vittime della mafia.
Seguirà l’intervento dell'On.le Marco Minniti Sottosegretario di Stato. Sono stati tanti i politici che - da diverse sponde partitiche - hanno avuto in don Italo un riferimento morale e spirituale che ha favorito la ricerca del bene della città.
L'on.le Minniti è un esponente importante del Governo del Paese che ha avuto modo di condividere con don Calabrò le sue esperienze di militante in anni difficili: durante il convegno tratterà il tema del rapporto di don Italo con la società e la politica.
Corrado Calabrò, presidente onorario del Consiglio di Stato, che nella sua lunga carriera come servitore del Paese ha ricoperto incarichi di grande responsabilità in vari ministeri e istituzioni e che ha vissuto da fratello un rapporto speciale con don Italo, racconterà la dimensione familiare del sacerdote reggino, i suoi affetti e la sua origine.
Coordinerà l’incontro, Giuliano Quattrone, Direttore della Sede Inps della regione Emilia Romagna, con importanti esperienze politiche e amministrative, figlio spirituale di don Italo, frutto di quella grande palestra di vita e di partecipazione per intere generazioni che è stata la scuola del Panella dove don Italo ha insegnato.
Il secondo evento di commemorazione sarà la celebrazione eucaristica del 16 giugno, anniversario della sua morte, alle ore 19,00 in Cattedrale. Presiederà l’Arcivescovo Giuseppe Fiorini Morosini, che ha voluto fermamente che la Chiesa di Reggio e Bova si raccogliesse coralmente in preghiera per ringraziare il Signore del dono che attraverso don Italo ha voluto fare alla nostra comunità diocesana.
Per l’Arcivescovo “le iniziative per celebrare il venticinquesimo anniversario della sua scomparsa servono non solo a far conoscere la testimonianza di vita di questo sacerdote reggino ma soprattutto a raccoglierne il valore di profezia che essa ha incarnato, per renderlo attuale rispetto alle esigenze ed ai bisogni che continuano ad interpellare la comunità. Per questo abbiamo il compito di raccogliere quella profezia, di perfezionarla e adattarla ai tempi in cui viviamo e che questo serva a rilanciare non solo la memoria ma l'impegno sociale e caritativo della nostra diocesi".

Copyright © Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova 2019


Back to top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, al solo fine di migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per leggere l'informativa estesa clicca su Leggi l'informativa.